PATOLOGIE TRATTATE

PATOLOGIA VASCOLARE INTRACRANICA E SPINALE

Le patologie vascolari del sistema nervoso centrale sono numerose. Quelle che interessano maggiormente il neurochirurgo sono: gli aneurismi cerebrali, le malformazioni artero-venose (MAV), le fistole artero-venose durali (FAVD) ed i cavernomi. 

Tutte queste patologie possono essere scoperte sia in maniera occasionale (durante un esame diagnostico eseguito per altri motivi) oppure perché provocano disturbi neurologici. 

Possono creare talvolta delle gravi emorragie cerebrali che richiedono un trattamento urgente. 

Aneurismi cerebrali 

Alcuni esempi di aneurismi cerebrali operati mediante la tecnica di "clipping" che consiste nel porre una piccola pinzetta alla base della sacca dell'aneurisma, chiudendolo definitivamente. 

Qui a sinistra una fotografia di una Angiografia di una giovane paziente affetta da aneurismi multipli (frecce rosse). A destra si vede l'angiografia di controllo che dimostra l'esclusione dei 2 aneurismi grazie alle clips li escludono completamente e definitivamente dall'ingresso di sangue al loro interno
A sinistra Angiografia di un paziente affetto da aneurisma dell'arteria comunicante anteriore (freccia rossa). A destra  angio-TC postoperatoria che conferma  l'esclusione dell'aneurisma grazie alla clip. 
Esclusione chirurgica (clipping) di aneurisma della arteria cerebrale media di destra
Tipico intervento chirurgico di "clipping" di aneurisma della arteria cerebrale media di destra. L'aneurisma si trova in una tasca che esiste tra il lobo frontale e temporale. Pertanto buona parte della chirurgia si basa sul raggiungimento e preparazione dell'aneurisma, con tecnica microchirurgica. Quindi si passa a posizionare una piccola molletta (clip, 6mm)) alla base dell'aneurisma, impedendo al sangue definitivamente di entrarvi. 
Clipping di aneurisma di arteria cerebrale media (colletto largo)
Aneurismi cerebrali giganti

Gli aneurismi talvolta possono raggiungere dimensioni enormi. In questi casi oltre a porre il rischio di rottura, possono comportarsi come vere e proprie masse. Il trattamento quindi non sarà solo rivolto all'esclusione dell'aneurisma dal circolo arterioso ma anche alla rimozione della voluminosa sacca. Il video qui sotto riporta un caso di aneurisma gigante dell'arteria cerebrale anteriore (azigos).

Aneurisma cerebrale gigante di arteria comunicante posteriore
Cavernomi cerebrali

I cavernomi sono malformazioni vascolari costituite da grovigli di vasi dilatati e sottili che li fanno assomigliare a delle more. Il flusso sanguigno arterioso non entra in queste sacche con una pressione elevata, quindi differiscono dagli aneurismi e dalle MAV. I cavernomi possono però comunque condurre ad una emorragia cerebrale oppure irritare il sistema nervoso causando crisi  epilettiche e, meno di frequente, disturbi neurologici.

Nella foto di sinistra RM ed TC di un paziente in gravi condizioni a causa di una voluminosa emorragia localizzata nel terzo ventricolo. La causa era un cavernoma sanguinante. L'intervento chirurgico ha permesso di evacuare l'emorragia ed il cavernoma, come si evidenzia nella foto di destra.
Nella foto di sinistra si vede la RM di un giovanissimo paziente portatore di un voluminoso cavernoma temporale sinistro che provocava numerose crisi epilettiche. Il giovane era sottoposto ad intervento di asportazione totale del cavernoma (immagini a destra) con conseguente scomparsa delle crisi. 
Nella RM encefalo in alto si nota un cavernoma emorragico posizionato nella sostanza bianca subito al di dietro dell'area di controllo della sensibilità e dei movimenti del lato destro del corpo. 

Il paziente è stato sottoposto ad un intervento neurochirurgico di asportazione completa del cavernoma con l'ausilio del monitoraggio elettrofisiologico.